nnnnn

10 e 11/9 Il corpo ascolta, la mente parla.

Il corpo ascolta, la mente parla. Spunti teorici, workshop, performance intorno al tema dell’ascolto. Il tutto scaturito fluidamente da alcuni incontri tra donne del gruppo Benessere e Movimento della Casa delle Donne  che per l’iniziativa “ Il tempo delle Donne”, festa-festival organizzata da Corriere della Sera e “La 27esimaOra”, hanno voluto creare insieme un laboratorio pronto ad accogliere tutte le donne  della città.

immagini per tempo delle donne 2019 (8)Si tratta di un progetto articolato su due giorni: si parte martedì 10 alle 18 con “Il corpo narrante” condotto dalla psicanalista Filomena Rosiello si prosegue nella mattinata dell’11 sul tema del rispetto dei corpi delle donne e dei bambini nella nascita (iniziativa organizzata con Eleonora Sciascia insieme all’Ordine delle Ostetriche) e, nel pomeriggio dello stesso giorno, con il workshop “Il corpo ascolta, la mente danza“. Eccone alcuni temi e alcune protagoniste.

Mariarosa Del Buono, psicologa, ci introdurrà alle pratiche per cui “sentire attraverso il corpo” è sentire senza parlarsi, che è più del parlare. La camminata cieca con accompagnamento alternato ci aiuterà a fidarci dell’altra/o e l’altra/o a fidarsi di noi, imparando a praticare l’empatia come modulazione del rapporto tra corpo, emozioni e vita della mente. Significa mettersi in gioco, ascoltarsi anche attraverso la relazione.

Temi ripresi anche nella parte finale del pomeriggio con Biodanza, una disciplina di movimenti naturali e musica che nasce dalle scienze della vita.  “Attraverso l’incontro con l’ambiente e con l’altra/o, nutriamo la capacità di ascoltare il nostro ritmo biologico e di rispettarlo, sentendo di appartenere a noi stesse, alla nostra specie, alla natura e al cosmo. Dal reciproco ascolto del feedback dell’altro/a migliora la capacità di agire di conseguenza nel quotidiano. Inoltre si creano movimenti comuni e spazi nuovi che vanno oltre l’io e il tu, integrando in un noi le persone e i loro ritmi, spiega l’insegnante Mariateresa Oldani, counseller artistico e di mediazione corporea.

Al centro del pomeriggio interverrà Anna De Gasperis, formazione in danza jazz, moderna, danzaterapia. Propone alla Casa il suo “Corpo danzante”, che ricerca movimenti ancestrali per creare, ascoltando il proprio corpo e quello dell’altra/o “una relazione d’intimità, un ascolto primario, dei sensi che ci consente di abitare interamente il movimento, recuperando un gesto più consapevole e profondo”.

alessandra

photo: Valeria Sinesi

Per Alessandra Orlando, che pratica ginnastica armonica, nuova danza egiziana, flamenco, “l’ascolto attraverso il suono, la melodia, il timbro di un flauto o di un violino ci porta a scoprire un modo diverso di danzare e tenerci in forma. Partiamo dalla musica per arrivare a noi”.

Sull’ascolto del ritmo dentro di noi lavora anche Daria Priori, insegnante di Kundalini Yoga “pratica che ci può portare a uno spazio neutro a quell’attimo fuori dal tempo in cui, con gli occhi chiusi rivolti all’interno, riusciamo veramente a sentire. Quello è lo spazio in cui la cura e la trasformazione hanno inizio”.

Federica Neef, insegnante di Integral Yoga, ci accompagna nella pratica di Yoga Nidra, lo yoga del sonno consapevole: dura circa 20 minuti ed è “una tecnica di rilassamento rigenerante e consapevole basata sul doppio ascolto: quello della voce che guida e nomina le varie parte del corpo e quello che avviene in ogni parte nominata”.

Anche con il Qi Gong possiamo raggiungere uno stato di salute ed equilibrio. Per Isabella Bogni, insegnante di questa antica pratica taoista, “attraverso piccoli movimenti precisi e consapevoli ascoltiamo come il corpo reagisce, si rilassa e si trasforma. La respirazione naturale porta ad un rilassamento profondo rendendo possibile il controllo di tutti i nostri organi interni e portando la coscienza a uno stato di grande tranquillità”.danza

Parte integrante del progetto condiviso è la performance Butoh proposta da Marcella Fanzaga, danz’autrice che spazia dalla danza contemporanea al Body-MindCentering®. Insegnante presso la Casa le sue sono “pratiche per la nuova danza che orienta la mente all’ascolto e al sentire, a come inizia e si propaga un movimento plasmando lo spazio interno ed esterno, nel fluire dell’energia e nella dinamica della forma”.

Mariateresa Oldani

Info: benessere@casadonnemilano.it

Per saperne di più:

https://www.facebook.com/events/388786031821393/
https://www.facebook.com/events/371348270219314/

calendario2018 sett-dicOK-1


CONDIVIDI: OPPURE:

nn