Libr@rsi

Libr@rsi

Il Gruppo Libr@rsi

Il nome del gruppo Libr@rsi indica la nostra passione per la lettura e per i libri che ci fanno librare, nel senso di volare libere negli spazi sconfinati che le parole evocano. Significa la riappropriazione della scrittura come luogo di produzione di senso, consapevolezza, libertà e cambiamento. Il nostro non può e non vuole essere un semplice gruppo di lettura, anche se ne promuoviamo uno dentro la Casa e per le nostre attività leggiamo e analizziamo insieme ogni anno molti testi. Lavoriamo fin dagli inizi della vita della Casa delle donne per raccogliere segnalazioni e presentare testi a firma femminile; intendiamo realizzare intorno al libro – o a più libri riferiti allo stesso argomento- rassegne tematiche, cicli, eventi anche complessi e multimediali, suscitare un dibattito reale e partecipato tra le socie, aperto a tutte le donne.

Il gruppo in questi anni ha svolto un’attività intensa in campo culturale, nel senso specifico dei libri scritti da donne (narrativa, poesia, teatro, saggi, femminismi ecc) e del lavoro critico-letterario e formativo interno al gruppo e a tutta la comunità delle socie. Abbiamo avuto e proseguiremo in futuro un ruolo importante nel promuovere la visibilità della Casa delle Donne anche come polo culturale e letterario nella città di Milano.

Il gruppo attualmente è composto da: Vittoria Longoni, Angela Giannitrapani, Marilena Salvarezza, Rossana Molinari, Annamaria Vicini, Cinzia Iraci. Laura Lepetit, da poco scomparsa, ha collaborato con noi per sei anni e ci ha lasciato insegnamenti e stimoli preziosi che siamo impegnate a prolungare.

Negli ultimi anni la nostra attività si è concentrata sulla Rassegna Editrici femministe, che abbiamo sviluppato finora in cinque incontri ricchi di contatti e di sinergie; sulla rassegna Donne e Storia in collaborazione con le università; sulla cura della rubrica sul sito “Lo consiglio perché” (finora, ne abbiamo prodotto 40 puntate che raggruppano ciascuna 3 brevi recensioni scritte da donne su testi a firma femminile). Quest’anno siamo inoltre impegnate a realizzare in presenza e via streaming sette eventi di motivazione alla lettura di autrici, rivolti soprattutto al dialogo intergenerazionale con ragazze/i e giovani, con letture interpretate condotte da attrici professionali, e laboratori per donne straniere basati sui “silent books”, insieme ai gruppi Scuola di Italiano e Intercultura: tutto ciò, nell’ambito del progetto Nei libri c’è la vita, in collaborazione con Enciclopedia delle Donne e Cineteca Milano e usufruendo di un finanziamento Cariplo. Curiamo sempre le nostre attività sistematiche: la partecipazione annuale a Bookcity Milano (nota 1), la raccolta e l’analisi delle richieste di presentazioni di libri, la promozione anche di singoli testi ed eventi e di consulenze (in collaborazione con la Bibliomediateca).

Seguiamo da tempo alcuni filoni: Storia e romanzo storico, Testi poetici, Il pensiero delle donne, Donne del mito, Dibattito sui femminismi. Marilena Salvarezza cura per il terzo anno il nostro gruppo di lettura, incentrato sul tema della trasgressione al femminile e ora sulle voci più interessanti delle scrittrici del mondo.

Per valorizzare i talenti delle donne, non dimentichiamo di far emergere anche voci nuove e interessanti che faticano ad avere accesso ai comuni canali editoriali. Ci atteniamo a criteri di scelta condivisi (qualità espressiva, significatività di contenuti e coerenza coi temi prescelti, armonia con lo Statuto della Casa).

Il gruppo si fa promotore autonomo degli eventi culturali; collabora con la Bibliomediateca per i progetti definiti nelle riunioni congiunte. Quando è possibile, lavora in sinergia con altri gruppi della Casa; s’impegna attivamente negli eventi culturali proposti dalla Casa nel suo insieme (come il pomeriggio di studio su Jane Austen nel 2017 e quello su Mary Shelley nel 2018) e collabora volentieri a tutte le attività culturali.

Referente: Vittoria Longoni.
Mail: librarsi@casadonnemilano.it

Nota1: Nell’ambito di Bookcity-Milano, abbiamo realizzato gli eventi plurali “Parole incarnate” (2014), “Donne tra due mondi-sconfinamenti” (2015), “Io che mi racconto, tu che mi ascolti “ nel 2016 (“duetto” con le scrittrici Margherita Giacobino e Silvana La Spina) ; per il 2017 “Volare via- donne in metamorfosi”, dialogo tra Laura Calosso e Chiara Rapaccini.

Per l’edizione 2018, abbiamo realizzato l’evento “Le Muse di Klimt e l’arte della contaminazione”, sul romanzo di Paola Romagnoli “Le Muse di Klimt”, con la collaborazione di Chiara Corio. Per l’edizione 2019 abbiamo curato un evento dedicato al focus “Afriche” con la presentazione del libro “Ferite di parole” di Ivana Trevisani e Leila Ben Salah e sul piano storico-letterario abbiamo proposto un altro dialogo tra due autrici e due volumi in parte affini: “Veronica Franco” di Valeria Palumbo e “C’era in Atene una bella donna” di Vittoria Longoni.

Nelle edizioni 2020 e 2021 abbiamo proposto eventi collegati alla rassegna Editrici femministe (contatti con le principali editrici e quest’anno, in collaborazione con Enciclopedia delle Donne, incontro con le Librerie femministe).